Sparare sulla Croce Rossa

18 dicembre 2010 at 4:04 pm (Orrori metropolitani)

Lo so…direte voi “Ah beh…Così lo sappiamo fare tutti eh?? Scrivi un cazzo e posti un link!”

VERO.

Ma quest’uomo MERITA.

Merita perchè ti fa capire il livello di istruzione e capacità di comunicazione, la pazzia totale, l’asinite e la mamma di 91 annO che devi avere per riuscire a passare da un giorno all’altro dall’IdV al PdL.

Annunci

Permalink 2 commenti

In gramaglie per Giorgg’

28 luglio 2010 at 5:23 pm (Orrori metropolitani)

E’ estate. Fa caldo. Bisogna stare all’ombra ed evitare le ore più calde, pena insolazioni. Ah, dimenticavo: e bere. Tanto. Ma non vodka liscia, acqua.

Qualcuno evidentemente non ha seguito i consigli degli esperti.

…Ste cose non le capirò mai.Mai.

Permalink 2 commenti

Vamos a la playa (ma anche no!)

23 luglio 2010 at 5:59 pm (Orrori metropolitani)

Da Corriere.it

Un’esperta di moda inglese (!!!) ci declama un elenco di vestiti/accessori etc. da NON INDOSSARE ASSOLUTAMENTE PENA LA MORTE PER STROZZAMENTO DA FRITTURA DI PARANZA.

Ora, a parte che il fatto che sia un’inglese a consigliarci cosa indossare e no, mi inquieta un poco (avete mai visto come si vestono gli inglesi?? Quelli veri, mica Kate Moss? Si? Ecco), ma bando ai pregiudizi e ai luoghi comuni e analizziamo un po’ le sue scelte:

(in neretto i miei commenti)

Al primo posto niente vestiti retrò, genere anni Ottanta, per intenderci, con spallone imbottite e colori fluo. Una tendenza tornata di moda come mostra la foto di Rihanna. Ecco. Iniziamo subito col dire che, se ti vesti come Rihanna, o perlomeno hai il suo stesso gusto nel vestire, due sono le cose: o sei masochista, oppure sei la controfigura del Dottor Spock in Star Trek.

 

Da evitare poi i costumi a perizoma, votati come il più offensivo articolo vacanziero di sempre. E grazie, certo che son volgari o un po’ sopra le righe se ad indossarlo è na matrona sui sessanta di 1.50 x 90 chili, ma se ad indossarlo è una come lei…

Niente Crocs, orripilanti in qualunque colore si scelgano, anche se ai piedi delle star. Ecco, su questo nulla da obbiettare perchè ammazzerebbero l’ormone pure a Belen Rodriguez, notoria per aver fatto suo il lapsus freudiano della Clerici:”Non so stare senza…”

Da evitare anche i calzini alla caviglia, magari portati con le scarpe coi tacchi. Allora, e qua si vede la differenza tra la mentalità anglosassone e quella italica: probabilmente in UK è già capitato di vedere qualcuno, d’ESTATE, col tacco alto e i calzini. A me qua dalle mie parti, no. Ma non perchè siamo snob (ce ne sono di orrori metropolitani..ci dedicherò un post a breve), ma perchè con la caldazza che fa, ti marciscono i piedi. E poi ti ci vojo a Torvajanica al chioschetto con la scarpa di vernice tacco 12 e il gambaletto che chiedi tutta giuliva na cioccolata calda, per dire.

 

Secondo i diktat dell’esperta inglese bisognerebbe non mettere in valigia prima di partire abitini pieni di tagli e ritagli (Megan Fox li adora) e magliette a rete o piene di slogan che fanno tanto Amy Winehouse. E perchè scusi?? Mò adesso manco na t-shirt co na frase simpatica posso indossare!

Secondo l’esperta inglese, infine, non bisogna cedere alla moda del marsupio, tanto diffusa sulle passerelle. ??? Pregooo?? Il marsupio? E’ da quando avevo 12 anni ed andavo in gita con l’oratorio che non ne sento più parlare..mmmh…O forse, effettivamente c’è un revival…

 

E con quest’ultima lieta immagine vi auguro Buon Appetito, visto che è ora..!

Permalink Lascia un commento

Ringrazia il cielo che ti chiami Lindsay Lohan…

22 luglio 2010 at 6:19 pm (Orrori metropolitani)

…Sennò cò sta minkia (e scusate il fine francesismo)

Che dopo esserti fatta di tutto e di più e aver guidato ubriaca, alla tua incarcerazione trovavi dementi di siffatta specie!

Permalink Lascia un commento

Lea/Leo T.

22 luglio 2010 at 5:58 pm (Orrori metropolitani)

Non so voi, ma trovo che questa modella sia assolutamente affascinante.

Aspetto particolare, certo, magrissima come da tradizione, ma qualcosa di malinconico e misterioso.

La notizia di Lea T. come nuovo volto di Scivenscì ha scatenato curiosità ovunque: tutti a domandarsi chi mai potesse essere questa brasiliana misteriosa.

Presto detto: è un uomo, figlio di una leggenda della Roma del passato, prima assistente personale del direttore creativo della maison ed il suo vero nome è Leo.

Io la trovo stupenda.

Voi che ne pensate?

Permalink Lascia un commento

Hello world!

22 luglio 2010 at 5:43 pm (Orrori metropolitani)

Welcome to WordPress.com. This is your first post. Edit or delete it and start blogging!

Permalink 1 commento